×

RISULTATI

Che cosa ci aspettiamo di ottenere?

Il progetto PERFECT ha obbiettivi molto ambiziosi, ma del tutto raggiungibili e concreti grazie all’impegno dei partner e alla collaborazione di molti agricoltori ed operatori del settore.

Risultati attesi

Tramite l’uso degli strumenti OVRA e SDRT si mira ad ottenere una sistema integrato di distribuzione degli agrofarmaci caratterizzato da ridotte perdite in atmosfera e, di conseguenza, con un impatto contenuto sulla salute umana.

Grazie all’impiego degli strumenti OVRA che consentono l’adozione di volumi di distribuzione appropriati, si otterrà una riduzione delle perdite nell’ambiente di prodotti fitoiatrici pari al: 20% a Valencia (159 t/anno), 9% in Catalogna (190 ton/anno), 9% in Piemonte (93 ton/anno) e 8% in Linguadoca (321 ton/anno). Ciò porterà anche alla:

  • Riduzione delle emissioni di gas serra pari al 15% a Valencia (1650 ton/anno), 15% in Catalogna (286 ton/anno), 15% in Piemonte (495 ton/anno) e 10% in Linguadoca (93 ton/anno)
  • Riduzione dei costi di trattamento: 26% a Valencia (382 €/ettaro-anno), 9% in Catalogna (68 €/ ettaro-anno), 9% in Piemonte (81 €/ ettaro-anno) e 8% in Linguadoca (46 €/ ettaro-anno)
  • Riduzione del consumo di acqua e conseguentemente dell’impronta idrica: 13% a Valencia (352770 m3/anno), 8% in Catalogna (21079 m3/ anno), 9% in Piemonte (35500 m3/ anno) e 8% in Linguadoca (8692 m3/ anno)
  • Riduzione nell’ordine del 10-19% del consumo di gasolio e quindi una pari riduzione del carbon footprint
  • Una riduzione delle perdite per deriva aerea dei fitofarmaci (e quindi del rischio di contaminazione da agrofarmaci dei bystanders) quantificabile tra il 20 e il 50%
  • Una riduzione della deriva a terra del prodotto fitoiatrico nell’ordine del 10-20% e, di conseguenza, una pari riduzione del rischio di contaminazione da agrofarmaci per la fauna acquatica e terrestre ubicate al di fuori dell’area del frutteto
  • Identificazione di prodotti inerti e secondari derivanti dalla degradazione in aria degli agrofarmaci
  • Sviluppo e validazione di un nuovo strumento ad alta risoluzione per la misura diretta della deriva. Riduzione dell’80-90% dei tempi di campionamento ed analisi degli agrofarmaci e dei relativi prodotti rispetto agli attuali metodi diretti ed indiretti. Sarà inoltre prodotto un business plan per una possibile futura commercializzazione della nuova tecnologia DMA-MS, in grado di: rilevare la presenza di agrofarmaci nel suolo e nell’aria, studiare la deriva dei fitofarmaci e/o valutare - in condizioni operative reali - la loro modalità di distribuzione da un punto di vista della salvaguardia della salute umana.
  • Un database sui valori di deriva aerea dei fitofarmaci in atmosfera che siano stati misurati utilizzando sia metodi indiretti (con traccianti), sia diretti.
  • Ottenere per tutti i prodotti fitoiatrici un fattore di rischio minore di 1 (nessun effetto negativo sul campione di popolazione sottoposto a valutazione) grazie all’impiego di tecniche per il contenimento della deriva nel corso della distribuzione degli agrofarmaci